A166 Aspetti pratico-attuativi delle conferenze di servizi e degli accordi di programma

 

  1. DOPO LA RIFORMA MADIA (L. 124/15 E DECRETI LEGISLATIVI DI ATTUAZIONE): LA CONFERENZA SEMPLIFICATA E LE NUOVE MODALITÀ DI TUTELA DELLE AMMINISTRAZIONI DISSENZIENTI
    - PROCEDIMENTI
    - SCHEMI NEGOZIALI
    - COPERTURE ECONOMICHE E ALLOCAZIONI IN BILANCIO
    - LAVORI DELLA CONFERENZA DI SERVIZI
    - EFFETTI DEL DISSENSO E DEL SILENZIO
    - RISOLUZIONE DI CONFLITTI

    DURATA
    2 giorni

    DATE
    22-23 maggio 2017

    ORARIO
    9,00 - 14,30

    QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

    RELATORE
    Dott. Marco LIPARI
    Presidente di Sezione del Consiglio di Stato

    PROGRAMMA
    Evoluzione degli istituti della conferenza e degli accordi di programma dalla l. 241/90 alla l. 124/15 e ai decreti di attuazione. La disciplina contenuta nel decreto n. 127/2016. Il riordino e l semplificazione della normativa. I rapporti tra amministrazioni centrali e locali dopo la riforma del Titolo V della Costituzione: riflessi sulla disciplina degli accordi e della conferenza di servizi. Gli accordi di programma. Nozione, fonti normative, tipologie. Fattispecie procedimentali di formazione degli accordi. Contenuti e schemi negoziali degli accordi. Coperture economiche e allocazioni in bilancio delle risorse necessarie per l’attuazione degli accordi. Problematiche attuative degli accordi. Controlli e risoluzione di conflitti nella attuazione degli accordi. Il riordino della disciplina delle conferenze di servizi e la loro tipologia.
    Conferenze dei servizi interne ed esterne: elementi comuni e tratti differenziali. La conferenza di servizi istruttoria, decisoria e preliminare. L’obbligo di indizione della conferenza di servizi: casi e modalità. La conferenza di servizi semplificata “asincrona”. Conferenza di servizi in forma simultanea e in modalità sincrona. Il passaggio eventuale dalla semplificata a quella ordinaria con riunione. Le regole di svolgimento della conferenza e i termini.
    Il ruolo dell’amministrazione procedente e del responsabile del procedimento. L’espressione della volontà unitaria dell’amministrazione partecipante. Unanimità, principio di maggioranza, strumenti di composizione dei conflitti nelle conferenze dei servizi. Il ruolo della P.C.M., della Conferenza Stato-Regioni, della conferenza unificata. Il problema degli interessi esclusi: i cosiddetti interessi deboli. Effetti del dissenso espresso nella conferenza di servizi. Il problema della rappresentanza degli enti coinvolti nella negoziazione. Disciplina e verbalizzazione delle sedute. Lavori della conferenza di servizi.
    La determinazione conclusiva della conferenza: forma, effetti, regime di impugnabilità. Il riesame della decisione.
    Conferenze di servizi e compatibilità economiche: effetti sui bilanci delle Amministrazioni Pubbliche interessate. Assenza e silenzio degli enti convocati: effetti. La trasposizione delle conclusioni in accordi, modalità ed organi competenti. I rimedi a tutela delle amministrazioni dissenzienti: l’opposizione motivata e la devoluzione della questione alla Presidenza del Consiglio. Le prerogative delle Regioni e delle province Autonome. La partecipazione dei privati e dei presentatori dei progetti alla conferenza dei servizi. Le determinazioni adottate in via di autotutela.
    Le conferenze dei servizi previste da leggi speciali e la riforma Madia. I progetti sottoposti a VIA e la conferenza di servizi di cui all’art. 25, comma 3 del d.l.vo 152/06. Lo sportello unico per le imprese e le attività produttive. Le attività di competenza. Semplificazioni in materia edilizia.
    La conferenza di servizi e gli istituti limitrofi. Le novità in materia di SCIA e l’istituto del silenzio tra pubbliche amministrazioni (art. 17 bis della l. 241/90).
    Il coordinamento con le procedure di VIA e dinanzi al SUAP.
    Il nuovo regime delle autorizzazioni paesaggistiche semplificate e il ruolo della conferenza di servizi.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.49384866 - Email: seminari Ceida