A650 Programmazione e valutazione dei finanziamenti agevolati per le imprese

 

DURATA
2 giorni

DATE
20-21 novembre 2018

ORARIO
1°giorno: 8,45-13/14-17
2° giorno: 8,45–14

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORE
Dott. Antonio BONETTI
Esperto di pianificazione strategica, project management e fondi europei. Docente su tematiche inerenti politiche e fondi dell’UE e finanza sociale dal 2002

OBIETTIVI
L’obiettivo generale è di contribuire a potenziare la capacità dei partecipanti di valorizzare pienamente i molteplici strumenti di finanziamento dell’UE a sostegno dell’innovazione tecnologica e sociale e della competitività del sistema produttivo, capendo meglio sia il crescente ruolo degli strumenti di ingegneria finanziaria, sia l’importanza di una corretta valutazione dell’efficacia degli interventi. Gli obiettivi di apprendimento specifici sono i seguenti:
a) diffondere, ampliare e migliorare la conoscenza dei principali strumenti di finanziamento dell’UE a sostegno dell’innovazione tecnologica e sociale e della competitività del sistema produttivo; b) favorire una migliore comprensione delle potenziali sinergie fra gli strumenti di finanziamento diretto dell’UE a sostegno di ricerca e innovazione, i programmi nazionali e regionali cofinanziati dai Fondi SIE e il Programma Nazionale per la Ricerca 2015-2020; c) migliorare la capacità dei partecipanti di capire meglio la logica e il funzionamento degli strumenti di ingegneria finanziaria.

DESTINATARI
Neo-laureati con una significativa ‘dimensione europea’ nel loro corso di studi. Imprenditori e dirigenti di impresa che vogliono capire come ampliare il novero delle possibili fonti di finanziamento e/o formare personale delle loro aziende nella ricerca dei finanziamenti.
Dirigenti ed operatori di centri di ricerca pubblici e privati e del sistema universitario. Dirigenti e staff di cooperative di produzione e anche di associazioni e altre organizzazioni del terzo settore.
Dirigenti e funzionari di Amm.ni pubbliche, in primo luogo quelle impegnate più direttamente con la gestione, il monitoraggio e l’audit dei finanziamenti agevolati al sistema produttivo. Dottori commercialisti, revisori dei conti e altri liberi professionisti. Operatori di istituzioni finanziarie e di Confidi.
Altri operatori potenzialmente interessati: dottori commercialisti, dirigenti e funzionari di Camere di Commercio e di organizzazioni di categoria, anche quelle attive nel settore agricolo, dell’AgID, di MedioCreditoCentrale e anche di agenzie tecniche regionali.

PROGRAMMA
I finanziamenti agevolati per le imprese. I contributi a fondo perduto (contributi in conto capitale, in conto impianti e in conto esercizio): principi e regole di contabilizzazione. Contributi in conto interessi e fornitura di garanzie per facilitare l’accesso al credito. I prestiti agevolati. Cenni alla finanza strutturata.
Gli strumenti di ingegneria finanziaria e l’intervento di operatori specializzati. Gli strumenti finanziari a livello europeo e nazionale: quadro regolamentare e attuazione.
Il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS): la “SME window” del FEIS e il ruolo della Banca europea per gli investimenti. Il nuovo Programma dell’UE 2021-2027 EUInvest e gli interventi di questo programma a favore delle PMI.
I principali programmi a sostegno dell’innovazione e della competitività dell’UE. I principali programmi europei della programmazione 2014-2020. I principali interventi in Italia: la “smart specialisation” e il Programma nazionale per la ricerca 2015-2020; il piano “Impresa 4.0” e gli strumenti agevolativi gestiti dal Ministero dello sviluppo economico.
Il ruolo dell’operatore pubblico e la formulazione e valutazione degli incentivi al sistema produttivo: i principali obiettivi (cluster) degli incentivi alle imprese (ricerca, sviluppo e innovazione; internazionalizzazione; nuova imprenditorialità; sviluppo produttivo e territoriale). La formulazione degli incentivi alle imprese e la corretta individuazione delle imprese da sostenere; valutazione preliminare della “necessità” e della “proporzionalità” degli incentivi; valutazione del processo attuativo e del “tasso di accettazione” da parte delle imprese; valutazione ex post dell’efficacia degli interventi.

Esercitazione: discussione in aula (sulla base di casi concreti) dei principali indicatori di competitività aziendale su cui effettuare la valutazione degli aiuti, da quelli più generali (fatturato e occupati), a quelli ottenibili da una attenta riclassificazione di bilanci (reddito operativo, Margine operativo lordo, ROE e ROI).

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.44704462 - Email: seminari Ceida