C164-1B Il Codice dei contratti pubblici alla luce del decreto correttivo (d.l.vo 56/2017)

 

 

GUIDA OPERATIVA ALLE NUOVE REGOLE, ANCHE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI FORMULATE DALL’ANAC, DEI DUBBI EMERSI IN FASE DI PRIMA APPLICAZIONE E DELLE NOVITÀ INTRODOTTE DAL DECRETO CORRETTIVO

– RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE 2014/23, 2014/24, 2014/25/UE E RIORDINO DELLA VIGENTE DISCIPLINA DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI FORNITURE E SERVIZI – ANALISI DELLE PRINCIPALI NOVITÀ PER STAZIONI APPALTANTI ED IMPRESE - GUIDA PRATICA PER LA STESURA DELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA E DELLE DOMANDE DI PARTECIPAZIONE/OFFERTE - INDICAZIONI OPERATIVE PER LA STESURA DEGLI ALTRI ATTI INTERNI RICHIESTI ALLE AMMINISTRAZIONI COME IL REGOLAMENTO PER IL SOTTO-SOGLIA E QUELLO PER LA NOMINA DELLE COMMISSIONI DI GARA - ESAME DEI PRINCIPALI PROBLEMI APPLICATIVI, ANCHE ALLA LUCE DELLE INDICAZIONI FORNITE DALLE LINEE GUIDA ANAC EMANATE IN MATERIA, DEI SUGGERIMENTI FORMULATI DAL CONSIGLIO DI STATO E DELLE MODIFICHE APPORTATE DAL D.L.VO 56/17

DURATA
2 giorni

DATE
12-13 giugno 2017

ORARIO
9,00 – 14,30

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORE
Avv. Maria Francesca MATTEI
Avvocato amministrativista in Roma
Esperta in materia di contrattualistica pubblica; già Dirigente del Servizio Contenzioso e del Servizio Studi giuridici di ANAS S.p.A.

Il corso, dal taglio spiccatamente operativo, intende fornire agli operatori del settore gli strumenti per applicare con efficacia il d.l.vo 18/4/16, n. 50, modificato dal decreto 56/17, individuando le variazioni da apportare alla documentazione di gara e agli atti interni dell’amministrazione, risolvendo i principali dubbi applicativi emersi nel primo anno di vita del nuovo Codice.
Particolare attenzione sarà prestata alla disciplina di diritto transitorio al fine di consentire ai partecipanti di individuare con chiarezza le norme applicabili, anche tenuto conto dei diversi Comunicati ANAC emanati sul tema e delle modifiche introdotte dal correttivo.
Rilievo centrale assume l’esame delle novità introdotte dal decreto correttivo e dalle Linee guida emanate dall’ANAC in materia di: Commissioni di gara; appalti sotto soglia; Direzione lavori; RUP; offerta economicamente più vantaggiosa; servizi di ingegneria; cause di esclusione e criteri reputazionali degli operatori economici; indicazione dei mezzi di prova adeguati e delle carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto che possono considerarsi significative per la dimostrazione della causa di esclusione di cui all’art. 80, comma 5, lett. d) del nuovo Codice; Partenariato pubblico-privato.

PROGRAMMA
Le direttive "Appalti pubblici" (2014/24/UE), "Settori speciali" (2014/25/UE) e il nuovo testo in materia di Concessioni (2014/23/UE) oggetto del recepimento.
La legge delega 28/1/16, n. 11 e i relativi criteri. Il riordino della disciplina dei contratti pubblici ed il superamento delle norme previgenti: l'abrogazione del Regolamento di cui al d.P.R. 207/2010 e il suo progressivo abbandono; i numerosi provvedimenti attuativi e la soft law.
La complessa disciplina di diritto transitorio e i Comunicati ANAC in materia: indicazioni e chiarimenti per destreggiarsi nel labirinto del nuovo quadro normativo di riferimento.
Il primo decreto correttivo: novità in materia di appalto integrato, recupero dei pareri scaduti per l’approvazione dei progetti, incentivi per i servizi al personale tecnico, subappalto, rating d’impresa, qualificazione delle imprese, valenza delle Linee Guida ANAC, commissioni di gara, soccorso istruttorio, parametri per i compensi dei progettisti, clausola sociale obbligatoria, disciplina delle varianti, qualificazione delle stazioni appaltanti.
IL ruolo dell’ANAC: la governance e le diverse competenze, anche alla luce del Decreto correttivo.
La programmazione: le nuove regole per le stazioni appaltanti ed i modelli da adottare; l’estensione anche a forniture e servizi.
La progettazione: il progetto di fattibilità e la regola dell'affidamento su progetto esecutivo: i limiti. Il dibattito pubblico.
Il RUP: la centralità del ruolo del RUP come project manager dell’intervento, la struttura di supporto stabile, compiti e funzioni alla luce delle Linee guida ANAC.
La Sezione amministrazione trasparente: il raccordo con le norme attuative del d.l.vo 97/16 che ha modificato il cd. decreto trasparenza (d.l.vo 33/13). Un possibile elenco di atti di sottoporre a pubblicità nel sito Amministrazione Trasparente.
Le novità in materia di affidamenti sotto soglia comunitaria: le modalità di acquisizione e i contenuti di un possibile regolamento interno delle stazioni appaltanti per regolarne i contenuti, anche alla luce delle Linee guida ANAC.
La predisposizione della documentazione di gara alla luce del nuovo Codice: indicazioni operative per la predisposizione dei bandi e delle lettere di invito. I nuovi termini per concorrere ed il regime della pubblicità delle gare. Le diverse procedure messe a disposizione dal Codice: il dialogo competitivo, la procedura competitiva con negoziazione e la partnership per l’innovazione.
Il ripensamento delle cause di esclusione dalle gare: nuove figure di reato e coordinamento con la normativa antimafia; il c.d. "self cleaning" e le prime indicazioni operative dell’ANAC sulle carenze nell’esecuzione di precedenti contratti.
Il Documento di gara unico europeo (DGUE): contenuto e modalità di compilazione e la nuova disciplina delle “banche dati”.
La qualificazione delle stazioni appaltanti: l'accentramento della domanda e i rating per la committenza. Qualificazione più soft alla luce del decreto correttivo.
La qualificazione degli operatori economici e avvalimento. Il rating delle imprese (il ridimensionamento del nuovo meccanismo a seguito del ripensamento ANAC).
I criteri di aggiudicazione come disegnati dal nuovo Codice e dalle Linee guida ANAC: il superamento del massimo ribasso. L'offerta economicamente più vantaggiosa come criterio unico ed assorbente: il costo a vita intera (life cycle cost) e la sua rilevanza in termini di politica degli appalti (appalti “verdi”).
Le commissioni di gara: le nuove Linee guida ANAC ed i contenuti di un possibile regolamento interno che le commissioni sono tenute adottare sulla base del Codice.
Cosa cambia nel subappalto: la terna dei subappaltatori e il ripensamento ad opera del decreto correttivo. Le modifiche dei contratti in corso e l'obbligo del riaffidamento; la giurisprudenza comunitaria e nazionale sul punto.
La disciplina dei settori speciali: settori esclusi, semplificazioni procedurali, attività non strumentali e possibile di ottenere l’esenzione a seguito di richiesta formulata alla Commissione UE.
Concessioni e altre tipologie di PPP: il rischio operativo “sostanziale” e il rapporto tra regole di affidamento e impatto sui conti pubblici. La sopravvivenza del contraente generale. Il leasing in costruendo e il project finance.
Come risolvere il contenzioso? Transazione, accordo bonario e i pareri di precontenzioso dell’ANAC. Il superamento dell'istituto del Collegio consultivo tecnico ad opera del decreto correttivo. L’arbitrato e il destino delle clausole compromissorie presenti nei contratti stipulati prima del nuovo Codice.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.49384866 - Email: seminari Ceida