E345A Le Regole tecniche sulla formazione e conservazione dei documenti informatici delle Pubbliche Amministrazioni

 

- NONCHÉ IN MATERIA DI FORMAZIONE, TRASMISSIONE, COPIA, DUPLICAZIONE, RIPRODUZIONE E VALIDAZIONE TEMPORALE DEI DOCUMENTI INFORMATICI IN GENERALE (D.P.C.M. 13/11/14)

DURATA
2 giorni

DATE
12-13 giugno 2017

ORARIO
1° giorno: 9-13/14-16,30
2° giorno: 9-14

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 490,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

COORDINATORE DEL SEMINARIO E RELATORE
Dott. Vincenzo FRANCO
Dirigente dell’Amministrazione degli archivi e docente di Archivistica nelle Università di Venezia e di Viterbo (a r.)

RELATORI
Dott. Giuliano GRANATI
Responsabile e curatore della Biblioteca Digitale del sito Archivi del Ministero dei beni e delle attività culturali
Ing. Riccardo FRANCO
Esperto di informatica documentale e già ricercatore alla Università Sapienza di Roma

Oggetto e ambito di applicazione di queste Regole tecniche sono la formazione e gestione dei documenti informatici in genere e la formazione e conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni.
Il seminario tratta uno degli argomenti più complessi in materia di gestione degli archivi pubblici, dopo che è stato introdotto il documento informatico con la l. 59/97 e soprattutto dopo che ne è stato reso obbligatorio l’uso nelle amministrazioni pubbliche.
L’Agenzia per l’Italia digitale - in attuazione di quanto disposto dal Codice dell’Amministrazione digitale - ha aggiornato le regole tecniche che disciplinano le fasi di la formazione, archiviazione e trasmissione di documenti sia per i privati che per le pubbliche amministrazioni: a questo punto, i programma di digitalizzazione può dirsi completato in quanto il d.P.C.M. ha stabilito infatti tutte le modalità con le quali produrre un file digitale che abbia pieno valore legale, si sottolinea, quindi, il momento della tutela della certezza del diritto in materia quando si tratta della generalità dei documenti informatici e quello degli interessi generali della comunità (oltreché quelli particolari dei singoli cittadini) come fondamentale presupposto del legislatore in materia di normativa sulla conservazione dei documenti informatici delle pubbliche amministrazioni.

PROGRAMMA
Teoria generale del documento. Quadro generale della normativa italiana in materia di conservazione documentaria. Normativa sui documenti informatici, con particolare riferimento a quelli delle pubbliche amministrazioni. Conseguenze dell’enunciazione dell’art. 822 del Codice civile e del Codice dei beni culturali. Le funzioni del manuale di conservazione e del manuale di gestione. Le diverse figure di responsabile: della gestione documentale, della conservazione, del trattamento dei dati. della sicurezza. I formati dei documenti informatici coerenti con le regole tecniche del documento informatico. Criteri di scelta dei formati ai fini della formazione, gestione e conservazione. Il pacchetto di archiviazione. Il pacchetto di distribuzione. Il pacchetto di versamento. Il pacchetto informativo. I metadati. Modelli organizzativi della conservazione. I ruoli nel sistema di conservazione. La funzione del responsabile della conservazione. Il processo di conservazione. Il piano di sicurezza del sistema di conservazione. La funzione dello scarto nella conservazione dei documenti informatici.

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.49384866 - Email: seminari Ceida