M232 MASTER IN EUROPROGETTAZIONE - PROGRAMMI COMUNITARI

 

DURATA
4 giorni

PERIODI DI SVOLGIMENTO
13-14 novembre 2017
4-5 dicembre 2017

ORARIO
9,00 - 14,30

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: euro 830,00 + IVA (la quota è esente da IVA se corrisposta da Enti pubblici)

RELATORI
Dott. Lorenzo IMPROTA
Esperto in programmazione, gestione, monitoraggio, controllo e valutazione di programmi e progetti comunitari
Dott. Michele NICOLAJ
Esperto e consulente per la pubblica amministrazione sulla programmazione, gestione, controllo e valutazione di programmi e progetti complessi
Dott. Sergio VASARRI
Professore a contratto Università di Siena – Facoltà di scienze politiche, Corso fondi strutturali e politiche europee

OBIETTIVI
La programmazione dei fondi comunitari 2014–2020 costituisce una delle più importanti opportunità di finanziamento per lo sviluppo dei territori, fornendo nuove possibilità per gli Enti pubblici, le imprese, gli Organismi pubblici e privati. I programmi a gestione diretta si aggiungono ai programmi finanziati dai fondi strutturali in Italia (Fondo sociale europeo e Fondo europeo per lo sviluppo regionale) e ai fondi per l’agricoltura(FEASR) e la pesca (FEAMP) e hanno una dotazione finanziaria significativa, pari a circa il 22% delle risorse del bilancio dell’Unione. La crescita intelligente, sostenibile e inclusiva costituisce l’obiettivo principale del nuovo periodo di programmazione che prevede il finanziamento, attraverso programmi dedicati, di interventi nel campo della ricerca, delle infrastrutture, istruzione, cultura, sicurezza, ambiente, ecc.
Il finanziamento dei progetti sarà sempre più vincolato e commisurato al raggiungimento di obiettivi chiari e misurabili e la possibilità di finanziamento sarà legata alla credibilità delle proposte progettuali che dovranno dimostrare la capacità di raggiungere in maniera efficiente ed efficace i risultati previsti. Per aumentare le possibilità di successo, i progetti non dovranno più unicamente rispondere allo schema di un bando, ma dimostrare la loro sostenibilità, attraverso un nesso logico tra input, output e risorse impiegate.
L’utilizzo degli strumenti di finanziamento europei deve integrare la conoscenza dei fondi comunitari diretti e indiretti con tecniche del project management che rappresentano il know-how indispensabile perla predisposizione di una proposta progettuale vincente.
Il corso Europrogettazione 2016 si colloca nel nuovo ciclo programmatorio 2014-2020 e ha la finalità di fornire ai partecipanti una panoramica dei nuovi programmi (quali ad esempio Horizon 2020, Erasmus +, Life, Creative Europe, CoSME, ecc.) e delle procedure previste, assicurando percorso di approfondimento specialistico delle più collaudate metodologie e tecniche di progettazione europea. Per costruire un progetto vincente è necessario disporre di conoscenze adeguate che consentano di: individuare i programmi e le opportunità più adatte al progetto che si intende realizzare; creare partnership vincenti ed elaborare idee progettuali credibili e ben strutturate utilizzando metodologie che rispondono alle aspettative della Commissione e che forniscano tutti quegli elementi fondamentali per migliorare la valutazione del progetto e la sua successiva realizzabilità.
Ottenere il finanziamento di un progetto costituisce solo il primo traguardo che un operatore deve porsi. Se il progetto non è costruito correttamente sulla base di milestone credibili e misurabili, basati su un piano finanziario adeguato e ben strutturato, l’opportunità potrebbe tradursi in minaccia per l’organizzazione che dovrà comunque assicurare il raggiungimento dei risultati per ottenere il riconoscimento delle spese sostenute.
Il corso si caratterizza per un approccio fortemente pratico basato sull’analisi di calls for proposals (bandi) aperte e, attraverso l’attività svolta, si propone di fornire all’operatore esperienze concrete e le competenze necessarie per presentare una proposta vincente e realizzabile nei tempi e nei modi previsti.

DESTINATARI
Settore pubblico: Ministeri, Regioni, Province, Comunità montane, Comuni, Società pubbliche e a partecipazione pubblica, Enti e istituti di ricerca, formazione, Università, agenzie di sviluppo, ecc.
Settore privato: ONG, PMI, società di consulenza e assistenza tecnica, Società di revisione, Agenzie di sviluppo private, Associazioni professionali, singoli professionisti, ecc.
Il programma è rivolto in particolare a: beneficiari pubblici e privati o singoli operatori privati che partecipano o che sono interessati a partecipare ai programmi a gestione diretta della Commissione europea o a svolgere attività di assistenza e supporto nei confronti dei destinatari dei finanziamenti.

PROGRAMMA
Introduzione ai programmi comunitari e le procedure per l’accesso ai finanziamenti comunitari a gestione diretta. La programmazione comunitaria. La Strategia Europa 2020 e le priorità previste. I finanziamenti comunitari a gestione diretta, indiretta e concorrente nella programmazione 2014-2020. Introduzione ai principali programmi a gestione diretta nella programmazione 2014-20: Crescita intelligente ed inclusiva (Horizon 2020 e Health for Growth), crescita sostenibile risorse naturali (Life), sicurezza e cittadinanza (Creative Europe, Justice, Rights and citizenship, Europe for citizens, Asylum and migration fund, Internal security fund, European social change and innovation - EaSI -, Consumers e Cosme; Erasmus+; ecc.). Le procedure di evidenza pubblica comunitarie (Call for proposals e Call for tender).
Esercitazione: Analisi della principale documentazione relativa al programma e al bando di riferimento e lettura e interpretazione di una Call for proposals.
Come progettare. L’approccio del quadro logico (analisi, programmazione, realizzazione e valutazione) applicato alla call for proposals e alla proposta progettuale. Il GOPP (Goal Oriented Project Planning). La pianificazione del progetto orientata agli obiettivi e la metodologia di progettazione. La costituzione del progetto: il PCM (Project Cycle Management). La definizione degli obiettivi: il Logical Framework. La pianificazione del progetto: il diagramma di Gantt.
Esercitazione: Sulla base di quanto appreso nella precedente giornata, sviluppo dell’idea progettuale sulla base delle indicazioni fornite e attraverso l’analisi della Call for proposals di riferimento, costruzione del quadro logico e formulazione dell’idea progettuale.
La costruzione e la redazione del progetto. Sviluppo dell’idea progettuale. La predisposizione del progetto. Obiettivi del progetto. Giustificazione del progetto. Descrizione attività (WP). Risultati. Metodologia. Impatto. Partners.
Esercitazione: Articolazione dell’idea progettuale secondo i punti del formulario utilizzato dalla Commissione Europea.
La gestione e la rendicontazione del progetto. La gestione finanziaria di un progetto comunitario. La costruzione del quadro finanziario. Le principali regole di rendicontazione degli interventi. I costi ammissibili. La valutazione dei progetti.
Esercitazione: Revisione ed ultimazione del progetto, formulazione del budget, presentazione dei progetti. Valutazione dei progetti sulla base della griglia di valutazione.

VALUTAZIONE FINALE
A richiesta dei partecipanti sarà rilasciato il titolo di Master con valutazione finale espressa in sessantesimi a chi:
• abbia frequentato l’intero Master
• affronti gli argomenti trattati in una prova finale

Ceida - Via Palestro, 24 - 00185 Roma, Tel. 06492531 - Fax:06.49384866 - Email: seminari Ceida